mercoledì 16 ottobre 2019

Teramo, Protezione Civile, gli alunni incontrano la CIVES.

In occasione della "Settimana Nazionale della Protezione Civile" gli alunni delle classi 3B 3C 3D della scuola media D'Alessandro, hanno incontrato i volontari dell'associazione CIVES di Teramo.

L'evento dal titolo "La partecipazione attiva dei cittadini" si è svolto in due parti.

Una prima fase ha avuto come relatori i volontari Ottavio Marini, Ilaria Di Donatantonio e Paolo Zippilli.

Nella seconda fase, gli alunni accompagnati dalle professoresse Luciana Caprione, Rita Coppa, Antonella Marroni, Annalisa Rapagna, Roberta Zilli, Gigliola Gioia Di Gennaro, hanno visitato la sede della CIVES.







martedì 15 ottobre 2019

Teramo Vivi Città:"benvenuto Goldrake".

In questi giorni a Teramo si parla tanto di un probabile "atterraggio di Goldrake" a piazza Garibaldi.
Peró mentre i "no Goldrake" si contrappongono ai "si Goldrake", Teramo Vivi Città pone una semplice domanda:"dove stavano i contestatori di Goldrake quando le scellerate scelte della politica distruggevano la bellezza di piazza Garibaldi mettendo una orrenda scatola di sardine al posto della fontana"?

L'Ipogeo una struttura brutta e triste imposta nel silenzio più totale, e quando Teramo Vivi Città chiese ai politici di lasciare scegliere ai cittadini tramite un referendum popolare, tutti si tirarono indietro.
Gli interessi della politica di allora erano più importanti dell'opinione dei teramani.

"Il Goldrake di Carmine Di Giandomenico è una proposta fresca, giovane e colorata che renderebbe meno fosco l'Ipogeo", sostiene Marcello Olivieri presidente di Teramo Vivi Città.

Allora benvenuto Goldrake se cio puo servire a ridare colore a una Teramo sempre più ombrosa.
Inoltre Teramo Vivi Città propone al sindaco Gianguido D'Alberto di mettere a Porta Madonna una statua dedicata all'indimenticale Ivan Graziani, e trasferire il "Garibaldi" nel luogo più consono, piazza Garibaldi.


giovedì 3 ottobre 2019

Teramo, l'amministrazione contro lo scivolo per diversamente abili

Responsabile dell'amministrazione cittadina di Teramo ha fatto togliere una pedana per diversamente abili.
La struttura era posizionata su suolo privato ad uso pubblico è stata ritenuta "non conforme al decoro urbano".
Il titolare di una attività commerciale del centro storico è rimasto basito nel sentirsi dire queste parole.

L'associazione Teramo Vivi Città condanna duramente l'accaduto, "è stucchevole che l'amministrazione crei problemi a chi abbatte le barriere architettoniche" sottolinea il presidente Marcello Olivieri.

I diritti dei diversamente abili non si toccano, e se sarà necessario davanti alla supponenza di qualcuno non si esclude una manifestazione di protesta.
Teramo Vivi Città ha chiesto l'intervento del sindaco Gianguido D'Alberto.